A fronte dell’emergenza causata dalla diffusione del virus COVID-19, il team del Programma LIFE ha stabilito di introdurre una serie di misure finalizzate a ridurre l’impatto che le restrizioni imposte delle autorità per fronteggiare la pandemia hanno avuto sulla quotidianità di tutte le organizzazioni e dei cittadini.

Per molte organizzazioni non sarà infatti facile partecipare ai nuovi bandi 2020. A tal fine, vengono introdotte misure che riguardano sia il processo di candidatura, sia nuove possibilità sul fronte della progettazione delle proposte.

In particolare:

  • Tutte le scadenze vengono prorogate di un mese
  • I candidati potranno accedere ad una breve consulenza individuale con un membro del team di Life sul concept del loro progetto (verrà attivato un sistema di registrazione)
  • Abolito l’obbligo per i soggetti privati di istituire una gara d’appalto per i contratti di un valore superiore a 135.000 Euro
  • Tutti i progetti saranno autorizzati a sostenere finanziariamente le iniziative locali che possono contribuire all’obiettivo del progetto. Ciò assumerà la forma di sovvenzioni che il beneficiario potrà concedere (entro certi limiti) a soggetti terzi responsabili di tali iniziative. In questo modo si cerca di facilitare anche l’accesso ai finanziamenti LIFE a gruppi locali molto piccoli che non hanno la capacità di figurare come beneficiari, ma potrebbero svolgere un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi del progetto.
  • Una sezione speciale viene dedicata alle start-up. In questa sezione, si invitano le aziende più grandi a considerare il loro progetto LIFE come un potenziale incubatore di start-up. Normalmente infatti le start-up non figurano come beneficiari coordinatori a causa della loro limitata capacità finanziaria. Potrebbero tuttavia essere un attore chiave, in termini di know-how, se accompagnate da una società più grande. In questo modo, alle start-up verrebbe data la possibilità di entrare nel mercato e alla società più grande quella di acquisire conoscenza importanti.

Il team specifica che sono attualmente allo studio ulteriori misure aggiuntive che riguardano molti aspetti finanziari e amministrativi, tra cui la percentuale del pre-finanziamento e la tempistica del finanziamento, l’ammortamento, il contributo in natura e altro ancora.